Volti colorati di figli transgender

Figli Transgender, cosa fare quando è difficile accettare?

Figli transgender, una realtà sempre più diffusa perché se ne parla più apertamente e perché la disforia di genere non è più considerata espressione di una patologia psichiatrica.

Malgrado ciò, la questione resta delicata quando si tratta di figli piccoli o adolescenti. E apre tante finestre su una condizione disagiata, patita da chi resta vittima di pregiudizi e antipatie nei confronti della diversità. 

Sofferta soprattutto dai genitori dei figli che a un certo punto della loro vita dichiarano apertamente di sentirsi altro da ciò che incarnano con la loro anatomia sessuale.

Per un genitore questa scoperta può arrivare come una batosta difficile da accettare, un vero e proprio trauma.

I sentimenti che si rincorrono in tanti genitori di figli trans sono diversi: disagio, vergogna, sensi di colpa, frustrazione, rabbia…

Ecco che in questi casi, un supporto psicologico può essere un valido aiuto per i genitori che faticano ad accettare il cambiamento dei loro figli.

ragazza al pride per diritti identità di genere

Identità di Genere e Sessualità, quanti tipi di Gender?

Un argomento piuttosto controverso quello di identità di genere e sessualità, che spesso si preferisce non trattare o comunque farlo nelle opportune stanze, con lo specialista preposto al supporto del paziente nel suo tortuoso percorso di accettazione.

Percorso segnato dallo sconvolgimento personale messo al vaglio della sessualità biologica e del ruolo sociale, che ci vede colorati di rosa o di blu… 

Ma cosa succede quando la nostra identità ha un colore diverso o si rappresenta con diverse sfumature di colore? 

In questo articolo vediamo cosa significano identità di genere, sessualità e ruolo sociale, e come affrontare la propria “diversità”.

Leggi tutto

Il genere è una costruzione sociale

Parlando di identità di genere e sessualità dobbiamo per forza di cose partire da questo presupposto fondamentale: il genere è una mera costruzione sociale rappresentata in termini di femminilità e mascolinità, basato su una formula binaria che associa la femminilità alle donne e la mascolinità agli uomini.

Questa costruzione sociale perde di significato di fronte all’esistenza dei tanti tipi di identità di genere che possono non aver nulla a che fare né con il sesso biologico né con l’orientamento sessuale o con la sessualità.

Cosa significa sesso e genere non binari?

Il sesso di una persona viene definito sulla base di fattori biologici, organi riproduttivi, geni e ormoni. Al sesso viene associato un genere femminile o maschile. Questo è ciò che, poi, connota il nostro ruolo sociale, essendo la società organizzata secondo il modello binario ‘maschio o femmina’.

In realtà, però né il sesso né tanto meno il genere sono binari.
Una persona, infatti, può nascere con organi genitali e riproduttivi non conformi allo standard (intersessualità), e a un certo punto della sua vita può manifestare una identità di genere diversa da quella biologica (e per effetto di questa, diversa da quella sociale).

Cos’è l’Identità di Genere

Da quanto premesso, possiamo concludere che genere sessuale e identità di genere possono divergere, ossia non corrispondere. Ma cos’è esattamente l’identità di genere e come si rapporta alla sessualità? 

Il termine identità di genere fa la sua prima comparsa negli anni ‘60 in riferimento all’appartenenza alla categoria maschio o femmina. Evolvendo, poi, il concetto di genere ha finito per includere altre tante forme di identificazione. 

Per identità di genere si intende l’immagine che la persona ha di se stesso, la percezione interiore della propria identità indipendentemente dal sesso, espressa all’esterno attraverso uno stile, nomi e scelte di pronomi, comportamenti ecc., tutti mezzi identificativi di un particolare genere a cui sentiamo di appartenere.

Un uomo o una donna possono sentire la loro identità intimamente diversa da ciò che per cultura viene loro attribuito in virtù dell’identità biologica, sessuale.

Ma la percezione dell’identità di genere può essere anche più complessa di quanto si pensa, perché 

  • potrebbe variare nel tempo
  • può non limitarsi alle sole categorie di “uomo” e “donna”, infatti alcune persone si identificano con più generi
  • può non rientrare in nessuna categoria.

Questa alterazione comporta solitamente un disagio, uno scollamento tra ciò che fin dalla nascita ci viene attribuito e ciò che invece cresce dentro di noi come identità altra, allontanandoci dalla via maestra. Ma a nulla vale logorarsi… bisogna solo accettare la propria identità. 

In molti casi accettarsi richiede di fare un percorso evolutivo che per quanto mi riguarda sento fortemente motivato dalla mia formazione e dalle esperienze vissute in questo ambito.

Se ti stai trovando in una situazione difficile e non sai come affrontarla, richiedi un primo incontro online o in studio.

Identità di Genere e Sessualità

Esistono diversi tipi di identità di genere e sessualità. Le possibilità sono infinite e le vediamo a breve, ma identità di genere e sessualità non sono le due facce della stessa medaglia.
Infatti, dobbiamo distinguere tra eterosessualità/omosessualità/bisessualità e identità di genere. 

Una donna può sentirsi tale e rapportarsi sessualmente con un uomo (eterosessuale), ma potrebbe anche sentirsi donna e preferire sessualmente un’altra donna (omosessualità o bisessualità, se ci si sente attratti da entrambi i sessi).

Tuttavia, bisogna anche aggiungere che le preferenze sessuali non implicano sempre una scelta di vita.

Una donna che si sente attratta da un’altra donna potrebbe semplicemente vivere di rapporti occasionali a) per una naturale predisposizione alla bisessualità, oppure, in modo più o meno consapevole, b) per conformarsi alle aspettative della famiglia e/o della società. 

Diverso è il discorso sull’identità di genere e sessualità che possono anche non coincidere. 

Un uomo può sentirsi donna nel suo intimo pur mantenendo la sua preferenza sessuale per le donne. Altrettanto può succedere alla donna che sceglie di avere relazioni con uomini pur percependosi maschile.

Tipi di identità di genere

Cisgender / Cisessuale

Si usa questo termine per indicare l’identità di genere che coincide con quella biologica. 

Agender o Genderless

Indica una persona che non si identifica con nessun genere particolare. Un termine alternativo per rappresentare questa percezione di genere con caratteristiche sia maschili sia femminili è ‘androginia’.

Bigender

Connota la persona che si identifica con entrambi i sessi. Le persone bigender spesso interpretano ruoli sia maschili sia femminili.

Genere Non Binario e Gender Fluid

Queste definizioni si riferiscono a una non identificazione netta e definita con l’essere uomo (maschio, maschile) e con l’essere donna (femmina, femminile). Le persone gender fluid non vogliono rientrare in nessun schema sessuale né etero, né bisessuale o transessuale, perché la loro identità di genere e sessuale è fluida, cambia continuamente a seconda del trasporto per una persona o per l’altra.

Gender Queer

Con questo termine ci si riferisce a persone un’identità che non è legata al sesso né al genere di appartenenza. 

Poligenere e Pangender

Le persone che si identificano come poligenere o pangender sperimentano e mostrano caratteristiche di più di un genere.

Transgender

Il termine identifica persone la cui identità di genere non corrisponde al proprio sesso. Non è più, quindi, solo legato alla transizione sessuale, ma include identità ‘non binarie’ e ‘genderfluid’.

Come accettare la propria identità di genere? 

È importante innanzitutto entrare nell’ottica che non esiste alcuna etichetta o categoria alla quale appartenere. Si nasce con una mappa genetica, cromosomica, ormonale… ma via via si diventa persone con le proprie esperienze, sensazioni ed emozioni. 

L’identità di genere è un affare personale, un sentire intimo che non riguarda nessuno all’infuori della persona. Quindi è opportuno prendere le distanze da qualsiasi influenza ostacolante per concentrarsi, invece, sul percorso di riconoscimento e collocazione nel proprio spazio vitale e relazionale.

In secondo luogo, laddove ve ne fossero, è utile uscire quanto prima dal bugigattolo dei sensi di colpa per non essere ciò che volevano mamma, papà o la società, che frenano lo sviluppo emotivo necessario per trovare se stessi e andare oltre qualsiasi ostacolo. 

Ricorda che l’identità di genere può essere diversa dal sesso biologico, dal genere stabilito dal ruolo sociale e perfino dalla sessualità. E può anche variare nel tempo.

relazioni tossiche d'amore

Relazioni Tossiche, cosa sono, come riconoscerle e come gestirle

Causa di grandi frustrazioni e umiliazioni, le relazioni tossiche possono devastare le persone che ne vengono coinvolte e che non riescono a uscirne.

Da premettere che una relazione tossica non riguarda soltanto la coppia legata dal sentimento, bensì può riguardare qualsiasi contesto, i rapporti tra familiari, amici e colleghi.

Non è sempre facile riconoscere le relazioni tossiche e capire che ci si sta vivendo dentro con tutte le scarpe, perché se è vero che ci sono segnali evidenti e riconoscibili, ce ne sono altri che restano nel sottobosco e che possono essere dei seri campanelli d’allarme da non trascurare.

In questo articolo vediamo quali sono i segnali di una relazione tossica e come gestirla per non soccombere.

abbraccio, affetto tra persone

Fobia sociale, mancanza di affetto… le conseguenze del Covid sul nostro sistema nervoso

Stress da mancanza di affetto, fobia sociale, evitamento… sono alcune delle conseguenze emotive del Covid-19 che iniziano a pesare davvero troppo sul nostro equilibrio psichico.

Dopo oltre un anno, la stanchezza inizia a farsi sentire e diventa sempre più complicato saperla gestire. 

Non è un caso che alcune manifestazioni pubbliche con intento puramente dimostrativo si infiammino rapidamente. La gente che riversa sulle strade regge poco, l’equilibrio corre su un filo spinato.  

E questo perché la limitata libertà individuale, gli spostamenti vietati, il lavoro che naufraga premono con insistenza sulla stanchezza per una situazione che ancora continua a seminare instabilità, incertezza, precarietà.

Non da ultimo, a pesare come un macigno sulle nostre esistenze le relazioni sociali tranciate dalle misure anti-contagio

Abbiamo bisogno del contatto per vivere senza stress e ansia, come abbiamo bisogno di cibo e acqua per tenere in vita il nostro organismo.

relazioni con i figli

7 consigli per gestire le relazioni con i figli in tempo di Covid

“Il 30,9% dei bambini sono ad alto rischio di disordine da stress post-traumatico”. (fonte: Corriere.it) 

Non possiamo non chiederci come gestire le relazioni con i figli in un momento così delicato e complicato per tanti versi. 

Complicato per noi adulti che abbiamo perso alcuni punti fermi della nostra vita e della nostra quotidianità. Complicato per i nostri figli che scontano le conseguenze del Covid con emozioni destabilizzanti.

Il dato – accanto a tutti gli altri numeri della tabellina del Covid – è allarmante e merita tutta la nostra attenzione. 

Un dato che racchiude in una percentuale la complessità di un fenomeno nuovo – un evento traumatico – che ci ha portati a ridisegnare la nostra esistenza.

figura di donna con volto coperto perché di liberarsi di un uomo violento

Come liberarti di un uomo violento

Oggi voglio affrontare un argomento tanto attuale quanto doloroso e che mi sta molto a cuore: la violenza. Se stai vivendo una relazione “turbolenta”, ecco come liberarti di un uomo violento.

Voglio subito chiarire due cose: la violenza non è solo fisica bensì anche psicologica, e non è detto che come atto sia sempre attribuibile all’uomo. Ci sono anche donne violente, forse non nella stessa modalità quando si tratta di aggressione fisica, ma ci sono.

Nel titolo che ho scelto non c’è una sfacciata discriminazione di genere, ma soltanto la spinta a indagare in un fenomeno ormai, purtroppo, molto diffuso e che vede come vittima per lo più la donna, intrappolata in una relazione violenta che può sfociare anche nel dramma di cui spesso sentiamo parlare.

I segnali che devi saper riconoscere

Tante donne, purtroppo, restano vittime inermi della violenza sia fisica che psicologica. Una violenza che cresce in una escalation di sintomi chiari che si manifestano:

  • con le piccole offese celate dietro il tentativo di essere “ironici”
  • con offese via via sempre più specifiche, in ambito sessuale, fisico e mentale
  • con il tentativo di sottomettere e convincere la partner del fondamento di quelle affermazioni fatte solo per “onestà”
  • con l’allontanamento graduale da amici e familiari
  • con l’istigazione all’abbandono del lavoro e dei propri interessi (per poter avere un controllo totale e senza interferenze.

Ecco questi 5 segnali sono i sintomi che devi osservare con attenzione per liberarti di un uomo violento e prevenire il disastro di una relazione fondata su questi presupposti.

L’uomo violento in pubblico è quasi sempre impeccabile

Eh sì, l’uomo violento in mezzo agli altri non lascia trapelare nulla della sua reale natura o comportamento deviato. È simpatico, amorevole, e anzi fa sorridere gli altri con le sue battute che restano pungenti, sì, ma con un tono smorzato rispetto a quelle che sbottano di rabbia e collera repressa nelle 4 mura.

In questi casi, soprattutto agli inizi, la donna coinvolta sentimentalmente non si rende conto della gravità della situazione, e oscilla fra la frustrazione delle offese e la speranza che l’atteggiamento pubblico del compagno possa mantenersi tale di lì in poi…

Spesso, e continuo a dire purtroppo, una relazione di questo genere prosegue anche per anni e anni, dondolando su un’altalena di momenti orrendi e altri di speranza che quegli occasionali sprazzi di affetto possano essere la chiave di volta di un cambiamento.

L’uomo violento però non cambia, a meno di non riconoscere il problema e a meno di non volersi mettere in discussione imparando a riconoscere e gestire le emozioni.

Anche il legame che la sua compagna non riesce proprio a tagliare, continuando a subire offese e umiliazioni, ha motivazioni ben più profonde e radicate in un forte e assurdo senso di colpa. Una colpa da espiare sottoponendosi alla violenza reiterata del partner.

Il passaggio dalla violenza psicologica a quella fisica è breve

Non è affatto da escludere che – seppure agli inizi la violenza sia soltanto di tipo verbale – col tempo possa trasformarsi in violenza fisica.

Questo passaggio può accadere perché lei, a un certo punto, stufa delle umiliazioni inizia a reclamare quel rispetto mancato. La reazione più temibile è quella dell’aggressione.

Lui può reagire portando la violenza allo stadio successivo, o sarebbe meglio dire a quello degenerativo, picchiando la sua donna che ha reagito ai maltrattamenti verbali.

Di solito, tempo di ritrovare quel barlume di lucidità (non legata all’atto riprovevole ma alla paura dell’abbandono), alle botte seguono le suppliche, le richieste di perdono e le promesse che “non accadrà mai più”.

Ma sappiamo che questa promessa e che l’amore dichiarato in questi frangenti non sono altro che frasi fatte per tentare di riparare il danno.

Se stai vivendo tutto questo, come liberarti di un uomo violento?

La donna coinvolta in un rapporto del genere non è lucida, è offuscata dalle continue offese e minacce, dunque quasi sempre non è in grado di uscirne da sola.

Ha bisogno di un aiuto da parte di qualcuno che dall’esterno possa descriverle la situazione. Ma affinché ciò avvenga, il primo passo lo deve fare lei aprendosi con una persona di cui si fida veramente.

La paura del giudizio, la paradossale abitudine all’offesa nutrita dal senso di colpa che proviene da un vissuto o da un contesto ambientale particolare, possono ostacolare quell’apertura salvifica anche per anni.

Non fidarti della paura, rompi gli schemi e scegli l’Amore

Ecco perché voglio scrivere qui, in questo spazio dedicato alle persone con il bisogno di un confronto, che paura, abitudine e senso di colpa sono solo una misera parte del tutto, un modo di leggere l’unica realtà che ci stiamo concedendo per restare in uno schema divenuto vissuto.

Bello o brutto che sia, un vissuto rappresenta pur sempre un’alternativa tangibile al nulla. Il nulla è quel resto fatto di tutto ciò che ancora non si conosce, e che paradossalmente spaventa più dell’ira di un uomo violento.

7 segnali per riconoscere la coppia sana

Sono 3 le caratteristiche minime necessarie per una coppia sana:

  • legame concreto e vivibile
  • condivisione di un progetto
  • vicinanza fisica

e altre 4 caratteristiche fondamentali per una coppia solida:

  • percezione di una distribuzione equilibrata del potere decisionale
  • co-esistenza delle “mie ragioni e tue ragioni”
  • autonomia personale
  • indipendenza emotiva: potrei anche vivere senza di te è l’idea costitutiva della relazione che però la difende e tutela, perché le dà il valore relativo che tutto il resto ha nella vita.

Concludo,

augurandomi che a guidare il tuo percorso di vita sia l’amore e non la rabbia o la violenza…

L’amore è fatto di parole buone, sincere ma non distruttive. L’amore può finire, certo, anzi a volte deve finire per lasciarci proseguire la strada, ma non dovrebbe mai finire per sfinimento da aggressioni.

Lascio un link utile al centro antiviolenza di Piacenza – per chi volesse cercare un sostegno e un valido punto di riferimento.

Sindrome della Crocerossina

Sindrome della Crocerossina o Sindrome di Wendy

Cos’è la Sindrome della Crocerossina e cosa nasconde dietro la sua attitudine alla dedizione assoluta? La Sindrome della crocerossina – sebbene possa sembrare un modo di essere ormai entrato nel linguaggio comune – è un disturbo che può creare squilibrio e frustrazione in chi ci convive.

Come superare una delusione d'amore

8 consigli su come superare una delusione d’amore

Argomento molto caldo quello su come superare una delusione d’amore e una delle classiche richieste d’aiuto che mi arrivano in studio, soprattutto da parte dei più giovani. Vediamo 8 consigli per riuscire a farcela anche quando tutto sembra perduto.

Contatti e Recapiti

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la Tua mail qui per rimanere sempre aggiornato.

Seguimi su :

Visit Us On FacebookVisit Us On Instagram