Smettere di mangiare le unghie con l’ipnosi

L’ipnosi agisce spesso come deterrente anche solo dopo una sola seduta, durante la quale si può suggestionare il paziente a non avere urgenza di mangiare le unghie, non avere problemi a restare lontano dalle proprie dita.

E’ possibile portare l’attenzione del soggetto a quali sono i vantaggi che ciò comporta.

Ovviamente nessun effetto collaterale è presente in questo trattamento.

downloadL’onicofagia è un disturbo compulsivo che porta il paziente a mangiare le proprie unghie e, nei casi più gravi, anche le pellicine e le cuticole circostanti, con conseguenze nocive sia a livello fisico che psicologico.
Questa malsana abitudine di rosicchiare le estremità delle dita si manifesta soprattutto in periodi di nervosismo, noia en stress, e può rappresentare semplicemente un sintomo di ansia, ma anche di disagio profondo.
L’onicofago (individuo affetto da onicofagia) adotta un comportamento compulsivo e ripetitivo nel mordere le cuticole e i tessuti intorno alla lamina ungueale: si tratta di un’attività inconscia compiuta dal soggetto, il quale, per la maggior parte del tempo, non si rende conto di quando le mani sono portate alla bocca e i denti cominciano a rosicchiare le unghie. La maggior parte delle persone trova in questa abitudine l’unico modo per calmare se stessi.

Leave a reply