• 02 AGO 19
    • 0

    Caldo e Psiche

    Oggi parleremo dell’effetto del caldo sulla psiche.
    È oramai assodato che il clima sia in grado di influenzare, sia in positivo che in negativo, i nostri stati d’animo e il nostro umore.
    D’estate infatti, sono molto frequenti stati di agitazione, irrequietezza e manifestazioni d’ansia, legati a una sensazione di disagio dovuta principalmente al senso di oppressione derivante dalla calura estiva.
    In estate,inoltre, si ha più difficoltà ad addormentarsi e fare sonni ristoratori, cosa che influisce sul nostro modo di reagire agli eventi e sulle nostre capacità mentali.
    In conclusione, quando la temperatura sale ci risulta più difficile mantenere una condizione psicologica di calma, perché l’insofferenza prevale sul controllo di sé, provocando una sorta di intolleranza psicologica a tutto ciò che ci circonda.
    MA QUINDI CHE FARE?
    • bere liquidi e, quindi, reintegrare i sali minerali e mantenere la giusta idratazione;
    • assumere molta frutta e verdura fresca di stagione;
    • mantenere un buon ritmo sonno-veglia;
    • fare attività all’aperto nelle ore meno calde, così da produrre la serotonina necessaria a rendere il corpo e la mente più stabili;
    • ritagliare del tempo da dedicare alle proprie passioni o interessi;
    • ridurre i pensieri negativi e le frustrazioni.
    Se questo non dovesse bastare, potete contattarmi per un colloquio “di sfogo” per le tensioni accumulate. O iniziare un breve percorso di sollievo e ri-equilibrio del tono dell’umore.

     

    Lascia un commento →

Lascia un commento

Cancel reply