Un’emozione bellissima: la RABBIA!

Estratto del convegno del 20.1.2017

Quando l’ira si diffonde nel petto tieni a freno la lingua che abbaia al vento. cit. Saffo

bimba incazzata

La rabbia è un’emozione primitiva (definita anche “di base”) che si può osservare perfino nei bambini più piccoli.

La rabbia è una reazione a una frustrazione e costrizione sia fisica che psicologica, ma anche al concetto di responsabilità e di consapevolezza che appartiene a colui che agisce la frustrazione e/o la costrizione.

Ci sono diversi tipi di rabbia:

-diretta : rivolta all’ostacolo frustrante

-spostata: rivolta a qualcosa di diverso rispetto al reale ostacolo

-verbale: presente nella diffamazione, offese, sabotaggio

-differita: trattenuta dentro di sè per lungo tempo e agendola in modo subdolo e premeditato

-modificata: trasformata in ansia o gelosia

-catartica: rivolta a creare motivazione e funzionalità in una crescita professionale

Le manifestazioni :

Aggrottare la fronte e le sopracciglia. digrignare i denti, battito accelerato, aumento della pressione arteriosa, sudorazione, tensione muscolare, voce intensa a volte stridula. L’organismo di fatto si sta preparando all’ATTACCO e all’AGGRESSIONE dell’ostacolo frustrante ed a volte queste reazioni si possono avvertire in modo così intenso che si ha la sensazione di perdere il controllo.

La rabbia è quindi il propellente energetico per passare all’azione! Questo può avvenire con l’induzione della paura e la conseguente fuga o con un attacco violento. Chi tende a non esprimere la rabbia tende a viverla più a lungo e vi è il rischio di sviluppare patologiche fisiche ingravescenti.

 

Leave a reply